Assemblare

un PC

scheda madre




Prima di fissare la scheda madre, occorre verificare la presenza e la carica della pila di sistema. Questa pila, che è presente su quasi tutte le schede madri, serve a tenere memorizzate le impostazioni del BIOS, senza cui il PC non può funzionare correttamente. Questa pila è solitamente una pila a bottone di tipo CR2032 da 3V. Se la pila è al suo posto (vedi foto) ed è carica, non serve metterci le mani, altrimenti andrà inserita o sostituita.

L'inserimento della scheda va fatto solo dopo aver controllato che gli eventuali sostegni presenti sul cabinet non tocchino le piste presenti sulla scheda stessa.

I connettori presenti sulla scheda devono coincidere con i fori presenti sulla maschera posteriore del cabinet. Quindi avvitate (o fissate con ciò che vi è stato dato) la scheda al cabinet.

La foto qui sotto mostra un distanziatore per il fissaggio della scheda madre.

In caso vogliate usare questi, dovrete controllare che il cabinet sia predisposto, cioè abbia una doppia lamiera con delle piste ad incastro per infilare i sostegni. L'utilizzo delle viti è comunque la soluzione migliore per la stabilità della scheda, e, nelle schede con connettori integrati sulla scheda, è praticamente l'unica soluzione funzionale: per utilizzare i distanziatori occorre incastrarli nei fori della scheda madre, quindi centrare le guide presenti sul cabinet, e infine spingere fino in fondo la scheda, in direzione (guardando le foto) dal basso verso l'alto. Nel cabinet raffigurato questo sistema non è presente. Nei PC datati, si trova comunque una vite di blocco, di solito posta vicino al connettore della tastiera.

Torna all'indice

Impaginazione by KCS'81